Tutto è nato da un laboratorio di scrittura creativa e autonarrazione per imparare ad aprirsi e raccontarsi, ma senza dover scendere per forza nei particolari. Se tutto andrà bene, le storie condivise o inventate nel corso delle lezioni diventeranno il copione di uno spettacolo teatrale totalmente nuovo nel suo genere, scritto e messo in scena da 7 detenute transessuali, che si potrà vedere (in carcere, per ora) a partire dall'inverno.


Il progetto è ambizioso ed è nato da una riflessione tra l'associazione bellunese Jabar, che opera da anni a favore delle persone recluse ed ex recluse del carcere di Belluno (frazione di Baldenich), e Antonio Turco, attore, autore e funzionario pedagogico dell'amministrazione penitenziaria di Rebibbia (Roma), già ospite del capoluogo dolomitico e della sezione Aics provinciale con lo spettacolo “Il Corno di Olifante” della sua compagnia Teatro Stabile Assai, la prima a nascere dietro le sbarre.

 

Di qui la stesura di una proposta per entrare anche nella sezione bellunese delle transessuali, una delle cinque presenti nelle strutture penitenziarie italiane (oltre a Belluno ci sono anche Rimini, Firenze, Roma e Napoli), dove portare la scrittura e la recitazione come forme di narrazione, espressione e in un certo senso liberazione. Il percorso è stato inaugurato martedì 10 e mercoledì 11 luglio da Turco e Tamara Boccia, pedagogista sua collaboratrice. Assieme a loro c'erano anche quattro volontarie della Jabar. Dopo aver presentato l'idea progettuale, accolta con entusiasmo dalle detenute presenti, sono stati gettati i primi passi di un percorso che sarà tenuto dalle operatrici bellunesi e seguito a distanza da Turco e Boccia, per culminare non soltanto nella realizzazione di uno spettacolo teatrale che andrà in scena con tutta probabilità a dicembre, ma anche per scambiarsi alcune scene tra Belluno e Rebibbia e creare una sorta di ponte tra i due percorsi teatrali, nell'ottica di scambiare in futuro non soltanto le carte, ma anche le persone. Si tratta di un progetto pilota a livello nazionale, un gemellaggio tra un carcere molto grande e strategico e uno più piccolo e periferico.


Contestualmente, l'idea è di portare all'interno della Casa circondariale di Belluno l'opera "Borsellino atto finale", portando sul palco anche alcuni detenuti dell'istituto di Baldenich: si tratta di un'attività che la compagnia teatrale ha già portato avanti a Locri, Reggio Calabria e Viterbo. Il progetto nella sua connotazione bellunese è finanziato dal Csv Belluno e sostenuto dal dipartimento Politiche sociali di Aics nazionale, per promuovere la cultura della legalità e della corresponsabilità, in particolare nella gestione delle dinamiche interattive tra pari, per impedire la ghettizzazione e la discriminazione di categorie che ancora oggi sono da considerarsi esposte.


Prossimi eventi

Dicembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
25 26 27 28 29 30 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5


CsvInforma

Sfoglia, stampa e condividi il CsvInforma: lo puoi fare comodamente dal tuo pc o dal tuo smartphone!

Disponibile dal 2020.

Volontario anche tu!

Il programma "Csv... volontario anche tu!" vuole diffondere tra i giovani dai 16 ai 20 anni la cultura del volontariato.

SCOPRI >

Laboratorio Inquadrati

Scopri come organizzare laboratori di ripresa e montaggio video, di grafica e animazione. Puoi avere un incontro, proporre un progetto e chiedere un preventivo.

CONTINUA >

Amministrazione di Sostegno

Lo sportello Amministrazione di Sostegno è un servizio fondamentale per proteggere gli interessi (economici, sanitari, giuridici) delle persone fragili.

LEGGI >