Sono Onlus di diritto le Organizzazioni di volontariato iscritte nei registri previsti dalla legge quadro sul volontariato (legge n. 266 del 11 agosto 1991), le cui finalità, elencate nello statuto, espressamente prevedano il fine di solidarietà, come attività materiale e spirituale rivolta verso gli altri, che si esplica mediante prestazioni dirette, gratuite, spontanee e personali nei confronti di persone che versano in stato di bisogno, o che vivono situazioni nelle quali si esprime l’aspetto negativo della condizione umana quali la solitudine, la sofferenza, le malattie, il disagio. L’attività di solidarietà può essere svolta anche per il soddisfacimento di interessi collettivi (ambiente e recupero beni artistici e archeologici e impegno civile) degni di tutela da parte della comunità.

 

La Giunta Regionale con deliberazione n. 4314 del 29.12.2009, ha aggiornato la classificazione delle attività svolte dalle Organizzazioni di Volontariato raggruppandole nei seguenti quattro obiettivi:

 

  1. Ambito sociale
    Rientrano in questo ambito le attività dirette immediatamente ed in via prevalente alla valorizzazione della persona e della famiglia come nucleo fondamentale della società; assistenza al soggetto nei momenti di bisogno, necessità e disagio sia fisico che psicologico; educazione e prevenzione volte al reinserimento sociale della persona, anche attraverso la tutela dei diritti civili nei confronti di soggetti svantaggiati e delle famiglie disagiate.
  2. Ambito socio-sanitario
    Rientrano in questo ambito le attività dirette immediatamente ed in via prevalente alla tutela della salute del cittadino e si estrinsecano in interventi a sostegno dell'attività sanitaria di prevenzione, cura e/o riabilitazione fisica e psichica del medesimo, in assenza dei quali l'attività sanitaria non può svolgersi o produrre effetti.
  3. Ambito tutela dei beni culturali e ambientale
    Rientrano in questo ambito le attività direttamente e concretamente rivolte alla tutela, salvaguardia e valorizzazione dell’ambiente e dei relativi processi ecologici a garanzia dell’equilibrio naturale; recupero alla collettività dei beni culturali e artistico-monumentali in stato di abbandono; tutela, salvaguardia e valorizzazione del patrimonio delle zone di interesse archeologico; salvaguardia e protezione di specie animali in via di estinzione e soccorso di altri animali dall'attività dei quali possano derivare effetti benefici sull'uomo (ad es.: addestramento cani per i ciechi, per il soccorso a persone infortunate in alta montagna, etc.).
  4. Ambito soccorso e protezione civile
    Rientrano in questo obiettivo le attività rivolte al trasporto malati, al pronto soccorso, di pronto intervento in caso di calamità naturali e tutte quelle attività comprese nel concetto più ampio di "Impegno e Protezione Civile".

 

Per fornire ulteriori elementi di conoscenza, anche ai fini programmatori, sulle attività delle Organizzazioni di Volontariato e per acquisire a livello territoriale una chiara e allo stesso tempo sintetica situazione sulle iniziative promosse dalle stesse organizzazioni, sono stati ulteriormente suddivisi gli obiettivi ricordati secondo i seguenti raggruppamenti che riguardano gli scopi statutari perseguiti dalle Organizzazioni secondo l’età di appartenenza e secondo i destinatari delle attività di solidarietà promosse dalle stesse Organizzazioni.

 

Fasce di età individuabili dagli statuti:

  • Minori;
  • Giovani;
  • Adulti;
  • Anziani;
  • Età mista (tutte le età o età non identificabile).

 

Materie individuabili dagli statuti:

  1. Malattia (in generale)
    Alcolismo, distrofia muscolare, cancro (cordectomizzati, stomizzati, tutela mastectomizzate, laringectomizzati), diabete, epilessia, lesionati midollari, malattie del sangue (anticoagulati, bambini leucemici, emofilia, bambini emopatici), insufficienza respiratoria (bambini asmatici), trapianti organi, obesità, malattie reumatiche, sclerosi multipla, tossicodipendenza, malattie del cuore (cardiopatici, cardiotrapiantati), AIDS, malattie rare (morbo di Alzheimer, sindrome adreno-genitale, lebbra, celiachia, retinite pigmentosa, spina bifida e idrocefalo, fibrosi cistica, mucopolisaccaridosi), osteoporosi, malattie della mente, mielolesi, ospedalizzati;
  2. Disagio (in generale)
    Carcerati, immigrati, nomadi, poveri, prevenzione del suicidio, emarginati;
  3. Educazione (in generale)
    Educazione e formazione professionale, educazione e tutela dell’informazione, informazione dei consumatori, università della terza età;
  4. Handicap (in generale)
    Ciechi, deambulolesi, mutilati ed invalidi, spastici, audiolesi, mutilati della voce, down;
  5. Impegno civile (in generale)
    Soccorso alpino, antincendi boschivi, trasporto malati, protezione civile, addestramento animali;
  6. Problematiche sociali (in generale)
    Donne, casalinghe, famiglia, minori in affidamento, sessualità, militari di leva, tutela vita;
  7. Beni culturali e ambientali (in generale)
    Tutela dei beni culturali, artistici e monumentali, patrimonio ambientale ed ecologico, tutela specie, patrimonio archeologico;
  8. Donatori (in generale)
    Donatori di midollo osseo, di organi, di sangue;
  9. Coordinamenti che si occupano di: alcolismo, ambiente, celiachia, disagio, epilessia, formazione, famiglia, disabili, ammalati, bambini asmatici, donatori di organi, protezione civile, sclerosi multipla, trasporto malati, tutela dei diritti dell’ammalato.


Gli ulteriori requisiti per costituire una organizzazione di volontariato sono:

  • Finalità di solidarietà sociale;
  • Assenza di fini di lucro;
  • Democraticità della struttura;
  • Elettività cariche associative;
  • Gratuità cariche associative;
  • Gratuità prestazioni degli aderenti;
  • Criteri ammissione aderenti;
  • Criteri esclusione aderenti;
  • Obblighi degli aderenti;
  • Diritti degli aderenti;
  • Obbligo formazione bilancio;
  • Modalità di approvazione bilancio da parte dell’Assemblea;
  • Quorum convocazione Assemblea conforme all’art. 20 C.C.;
  • Quorum deliberazioni Assemblea conforme all’art. 21 C.C.;
  • Quorum scioglimento e devoluzione del patrimonio conforme all’art 21 C.C.;
  • Assicurazione dei soci attivi conformemente all’art. 4 della Legge n. 266/1991;
  • Devoluzione patrimonio in conformità all’art. 5, comma 4, Legge n. 266/1991.

Per fruire delle agevolazioni previste dall’articolo 8 della Legge Quadro sul Volontariato, n. 266/91, queste organizzazioni devono richiedere l’iscrizione al Registro Regionale delle organizzazioni di Volontariato, inviando apposita richiesta alla Direzione Regionale Servizi sociali della Regione Veneto.


L’art. 4, comma 5, della Legge regionale n. 40 del 30 agosto 1993  prevede che le organizzazioni di volontariato devono chiedere, pena la cancellazione automatica dal registro, la conferma dell’iscrizione ogni tre anni, utilizzando l’apposito schema di domanda.

IMPORTANTE

Con la Dgr n. 4314/2009 è stato approvato un accordo di collaborazione tra Regione e Csv del Veneto, grazie a cui i Centri di Servizio per il Volontariato del Veneto assumono un ruolo privilegiato nella raccolta e accettazione delle pratiche di iscrizione e conferma nei registri regionali, verificando la correttezza della documentazione e apportando le eventuali modifiche.

In questo modo sarà più agevole il percorso delle organizzazioni che per la prima volta si iscrivono nel registro  regionale delle organizzazioni di volontariato o per quelle che chiedono la conferma della iscrizione.

Per le Onlus di diritto, ulteriori agevolazioni fiscali sono state introdotte dal decreto legislativo 460/97 agli articoli da 12 a 24.

 

 

Per la normativa di riferimento si rimanda alla sezione specifica del sito


  • Costituzione

Atto costitutivo

Statuto e Note utili per la redazione dello statuto

Richiesta di registrazione Agenzia delle Entrate

Richiesta attribuzione codice fiscale e comunicazione variazione dati Agenzia delle Entrate

 

  • Iscrizione al Registro Regionale

Richiesta iscrizione

Richiesta conferma iscrizione

Relazione attività svolta

Indicazione struttura organizzativa

Relazione associati

Rendiconto finanziario e relative istruzioni di redazione

Rendiconto economico e relative istruzioni di redazione

 

Pin It

Volontariando

Volontariando

Vuoi fare volontariato?
Stai cercando volontari?

 

PROSEGUI >

Banca dati

Banca dati

Vuoi trovare l'associazione giusta per te?

 

CERCA >

CSVlog

CSVlog

Csvlog Belluno è il video-blog del Csv, da gennaio 2017 anche rubrica di Telebelluno Dolomiti

 

GUARDA >

Newsletter

CsvInforma

CsvInforma

È uscito il "CsvInforma" di luglio 2017!

 

LEGGI >

Csv... volontario anche tu!

Csv... volontario anche tu!

Hai tra i 12 ai 18 anni e vuoi mettere le tue qualità a disposizione degli altri? Allora All you need is vol!

 

SCOPRI >

Multimedia gallery

Multimedia gallery

Ecco le foto e i video del mondo del volontariato bellunese!

 

GUARDA >

Aiuta il Comitato!

Aiuta il Comitato!

Il Comitato d'Intesa può continuare a dare servizi e diffondere i valori del volontariato con donazioni, liberalità e lasciti

 

SOSTIENI >


Amministrazione di Sostegno

Lo sportello Amministrazione di Sostegno è un progetto provinciale per sostenere e consolidare la diffusione della figura di protezione giuridica introdotta dalla legge di riforma del Codice Civile n. 6 del gennaio 2004

 

Continua >

Sportello Sicurezza

Per aiutare le associazioni ad adeguarsi alla normativa, il Csv mette a disposizione delle associazioni lo Sportello di consulenza in materia di Sicurezza, sul lavoro e nel volontariato

 

Continua >

Csv... volontario anche tu!

"Csv... volontario anche tu!" vuole avvicinare i ragazzi di età compresa tra i 12 e i 18 anni al mondo del volontariato promuovendo la partecipazione alla cittadinanza attiva e responsabile. Il progetto si svolge durante tutto l'anno.

 

Continua >

Laboratorio Inquadrati

Il laboratorio "Inquadrati" è un progetto di educazione all'immagine nato nel 2008, che negli anni si è dotato di un piccolo studio di produzione video con camcorder Hdv, postazione e programma di montaggio. Oggi si occupa di realizzare i Csvlog

 

Continua >