09/09/2019 - Riportiamo di seguito il racconto dell'esperienza che sta vivendo in Olanda Chiara D'Incau, protagonista di di un progetto promosso dal Comitato d’Intesa/Csv Belluno e finanziato dal programma European Solidarity Corps.

 

Mi chiamo Chiara e sono una psicologa... o almeno lo ero fino a due mesi fa, quando ho deciso di mollare tutto e partire per un anno di volontariato all’estero, più precisamente in Olanda, nell’ambito di un progetto promosso dal Comitato d’Intesa/Csv Belluno e finanziato dal programma European Solidarity Corps.

Tutto è cominciato ad aprile quando ho partecipato come group leader ad uno Youth Exchange in Olanda organizzato sempre dal Comitato d’Intesa/Csv Belluno, incentrato sul tema della disabilità. Durante tale progetto ho avuto la possibilità di conoscere persone meravigliose che mi hanno permesso di vedere la disabilità da un’altra prospettiva e mi hanno ispirata e convinta a partire! In realtà ho sempre voluto fare un’esperienza di questo tipo ma, tra università e lavoro, ho sempre rimandato convinta di avere tanto tempo. Invece questa era la mia ultima occasione poiché il limite massimo di età per partecipare a questo tipo di progetti è di 31 anni. Dunque mi sono candidata, ho fatto un colloquio tramite Skype con i responsabili dell’organizzazione che ospita il progetto, la Rock-solid Foundation e, dopo alcuni giorni, mi hanno comunicato che ero idonea!

Ho lasciato l’Italia il primo luglio e mi sono ritrovata, senza rendermene davvero conto, in un altro Paese circondata da persone che parlano altre lingue. Le prime due settimane ho vissuto insieme ad un gruppo di volontari provenienti dalla Turchia e dall’Azerbaigian ad Arnhem, una città dell’Olanda centrale, mentre ora vivo con tre ragazze provenienti dalla Germania e dall’Austria, a Lunteren, un paese piccolo ma davvero bello e vicino a dove opero come volontaria.

Dopo due settimane dal mio arrivo, ho cominciato a prestare attività di volontariato in un centro che ospita pazienti con diagnosi di demenza e problematiche neurologiche. Qui solo alcuni colleghi parlano inglese e questo da una parte può essere una difficoltà ma dall’altra mi stimola ogni giorno ad imparare l’olandese. Ho dimenticato di dirvi che al mio arrivo abbiamo fatto una settimana di corso intensivo di olandese che si è rivelato davvero utile; proseguiremo il corso per tutta la durata del progetto.

Inoltre, ho da poco partecipato ad un training insieme ai volontari del mio gruppo, ai volontari che a settembre concluderanno il proprio progetto e al gruppo di volontari che comincerà a settembre. È stata un’esperienza incredibile che ci ha permesso di conoscerci tutti insieme, di vedere quanto sono uniti i ragazzi che stanno per finire e di sperimentarci come gruppo.

Una parte importante di questo progetto è sicuramente la possibilità di lavorare in una realtà diversa da quella italiana che, nel mio caso, si sta rivelando molto costruttiva. L’altra parte interessante è sicuramente vivere con persone che provengono da altri Paesi a volte completamente diversi dal mio, ma questo offre la possibilità di conoscere e di confrontarsi con altre culture e realtà. Un’altra cosa interessante di questo progetto è che l’organizzazione ospitante ci da l’opportunità di viaggiare gratuitamente in tutto il Paese poiché si accolla il pagamento dei mezzi di trasporto e, credetemi, in Olanda sono davvero cari! Questo mi da la possibilità di viaggiare e visitare le principali città ma anche i paesi più piccoli e le zone meno conosciute: in un mese ho visitato Amsterdam, Rotterdam, Utrecht e Zaanse Schans (zona caratteristica con i mulini vicino ad Amsterdam) e altri piccoli paesi!

Da quando sono arrivata il tempo scorre veloce e sono sempre più convinta di questa scelta! A voi, che leggerete questa testimonianza, voglio dire di buttarvi e partire! Mettete da parte le vostre paure, dubbi, insicurezze e mettetevi in gioco! Certo, non sarà sempre facile ma le persone che incontrerete vi ripagheranno di tutta la fatica e dei momenti negativi. La soddisfazione di riuscire a fare una breve conversazione in olandese (o un'altra lingua), di usare i mezzi di trasporto senza perdersi, di visitare luoghi nuovi, essere autonomi e liberi di vivere questa esperienza sono aspetti incredibili e meravigliosi. Alla fine sarete diversi, ma sicuramente fieri di voi e dell’esperienza fatta!

 

Chiara D'Incau



CsvInforma

Sfoglia, stampa e condividi il CsvInforma: lo puoi fare comodamente dal tuo pc o dal tuo smartphone!

SFOGLIA >

Volontario anche tu!

Il programma "Csv... volontario anche tu!" vuole diffondere tra i giovani dai 16 ai 20 anni la cultura del volontariato.

SCOPRI >

Laboratorio Inquadrati

Scopri come organizzare laboratori di ripresa e montaggio video, di grafica e animazione. Puoi avere un incontro, proporre un progetto e chiedere un preventivo.

CONTINUA >

Amministrazione di Sostegno

Lo sportello Amministrazione di Sostegno è un servizio fondamentale per proteggere gli interessi (economici, sanitari, giuridici) delle persone fragili.

LEGGI >