BOLZANO, 03-12-2019 - Chi dona con il cuore riceve in dono esperienze e saperi: con un progetto pilota la Federazione per il Sociale e la Sanità, assieme a 30 associazioni della provincia di Bolzano e al Comitato d'Intesa/Csv di Belluno, ha svolto una ricerca su come sia documentato e riconosciuto l'impegno nel volontariato.  Il progetto è stato presentato in conferenza stampa oggi a Bolzano.

"Chi sceglie di fare volontariato deve sapere bene quello che fa. E sono necessarie conoscenze specifiche. Ogni intervento deve avere le sue solide basi. Servono una buona formazione e molto esercizio affinché tutto funzioni nella pratica", sottolinea Dorotea Postal, vicepresidente della Federazione.

"Naturalmente impegnarsi in attività solidali e fare del bene sono motivazioni che rimangono importanti. Ma sempre più persone scelgono di fare volontariato per trovare anche un orientamento per il percorso lavorativo, o per la vita", spiega Simonetta Terzariol del Servizio per il Volontariato della Federazione.

I giovani, in particolare, hanno maggiori probabilità di essere disponibili in volontariato se l'impegno è a progetto e limitato nel tempo. E ancora di più se possono imparare qualcosa d'importante o se possono inserire l'impegno come esperienza nel loro curriculum vitae. Per i giovani, questi incarichi sono un'occasione preziosa per orientarsi sul loro prossimo percorso di vita e di professione.

L'attenzione ai giovani è fondamentale anche per Paolo Capraro del Csv Belluno. "Questo progetto pilota ha consentito di mettere in atto un confronto utile tra le vicine province di Belluno e Bolzano e di instaurare un'importante relazione che mette in luce competenze trasversali sulla base di dati concreti. Questo al fine di scambiare le reciproche potenzialità e di crescere nei rispettivi territori anche in ottica lavorativa, ad esempio per i tanti giovani plurilaureati che oggi si trovano all'estero".

 

Il Progetto pilota

Per valorizzare e attestare conoscenze, capacità e competenze maturate in volontariato, è stato avviato nel 2018 il progetto pilota "Una marcia in più!". Nasce dalla cooperazione tra Federazione per il Sociale e la Sanità con il Comitato D'Intesa/Csv di Belluno, assieme a una trentina di organizzazioni di volontariato altoatesine e bellunesi.

Tra le organizzazioni che hanno partecipato al progetto vi sono Aido- Associazione italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule, Anmil - Associazione nazionale fra lavoratori mutilati e invalidi del lavoro, Bäuerlicher Notstandsfonds Fondo di solidarietà rurale, Caritas della Diocesi Bolzano-Bressanone, Associazione Donne contro la violenza, La Strada-Der Weg, Volontarius, Jesuheim Fondazione St. Elisabeth, Il Papavero-Der Mohn, Jugenddienst Bozen, Centro giovanile Papperlapapp.

Obiettivo del progetto era rendere visibili conoscenze, capacità e competenze maturate in volontariato, che saranno poi utili a scuola, sul lavoro come nella vita in generale. Poterle attestare è inoltre particolarmente importante per presentarsi nel mondo del lavoro.

Una ricerca ha esaminato le esperienze delle organizzazioni partecipanti al progetto per quanto riguarda l'apprendimento non formale, le motivazioni al volontariato, l'interesse alla formazione e a proseguire nell'impegno. Ne è emersa una proposta di modello per documentare, e in futuro validare formalmente, le competenze maturate in volontariato. Sono seguite altre fasi del progetto: una serie di interviste a un campione di associazioni altoatesine e bellunesi, l'accompagnamento sperimentale di un gruppo di volontari, il confronto con altre buone pratiche analoghe e con le normative vigenti. Il gruppo di lavoro che ha curato il progetto ha infine redatto lo studio di fattibilità, che descrive possibili percorsi di riconoscimento verso la validazione delle competenze maturate in volontariato. Lo studio, i cui estratti sono consultabili presso l'ufficio stampa del Csv Belluno, contiene strategie e opzioni di modelli che possono essere applicati per rendere visibile il processo di apprendimento.

La Federazione auspica ora che il dialogo prosegua con gli enti pubblici competenti in materia e si trovino presto nuove opportunità per riconoscere e convalidare formalmente le competenze dei volontari.

 


Prossimi eventi

Gennaio 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2


CsvInforma

Sfoglia, stampa e condividi il CsvInforma: lo puoi fare comodamente dal tuo pc o dal tuo smartphone!

Disponibile dal 2020.

Volontario anche tu!

Il programma "Csv... volontario anche tu!" vuole diffondere tra i giovani dai 16 ai 20 anni la cultura del volontariato.

SCOPRI >

Laboratorio Inquadrati

Scopri come organizzare laboratori di ripresa e montaggio video, di grafica e animazione. Puoi avere un incontro, proporre un progetto e chiedere un preventivo.

CONTINUA >

Amministrazione di Sostegno

Lo sportello Amministrazione di Sostegno è un servizio fondamentale per proteggere gli interessi (economici, sanitari, giuridici) delle persone fragili.

LEGGI >