In evidenza

Box In evidenza - Homepage

Il 5 per mille al Comitato d'Intesa

È tempo di dichiarazione dei redditi, dove poter indicare l'ente a cui devolvere il proprio 5 per mille. Il Comitato d'Intesa è tra i beneficiari: per contribuire all'erogazione di importanti servizi quali lo STACCO, gli scambi europei, il Servizio civile e l'Amministrazione di sostegno, il codice fiscale da indicare è 93001500250.

 

Il Comitato d'Intesa di Belluno torna a farsi sentire nella “battaglia” a livello nazionale per il ripristino, nella loro interezza, dei fondi destinati al 5 per mille. La richiesta è che vengano riconfermati i 400 milioni di euro degli anni precedenti. Il Comitato d'Intesa ha inviato una lettera al Presidente del Senato Renato Schifani, ai Presidenti delle Commissioni Affari Costituzionali e Bilancio, ai Capiguppo del Senato, ai senatori delle due Commissioni e ai componenti di Palazzo Madama. Il 10 febbraio è giunto infatti in aula il decreto 225 del 2010, già approvato dal Governo, con il quale sono stati aggiunti altri 200 milioni di euro agli iniziali 100 previsti dalla Legge di stabilità, l'ex Finanziaria.
La Legge, approvata il 7 dicembre 2010, aveva già fissato per il 5 per mille un tetto di 100 milioni, ovvero un quarto di quanto stabilito negli anni passati in base al reale fabbisogno stimato. Il Decreto 225 ha ora aggiunto altri 200 milioni e, per ristabilire la quota di 400 milioni, ha utilizzato 100 milioni già presenti nella legge di stabilità 2011, ma vincolati alla ricerca e all'assistenza dei malati di SLA.
Il Decreto giungerà in aula il 10 febbraio per la presentazione e il dibattito, mentre dal 15 al 18 febbraio si terrà la discussione e la votazione degli emendamenti.
Sono già molti i senatori che, a seguito delle pressioni del volontariato e del terzo settore, hanno presentato in Commissione degli emendamenti per riportare il 5 per mille a 400 milioni.
Ora che si avvicina la data della discussione e del voto, il Comitato d'Intesa torna a farsi sentire, associandosi all'appello lanciato da Csvnet, la rete dei Centri di servizio per il volontariato italiani.
“Facciamo giungere anche dal bellunese il nostro l'appello – spiega il presidente del Comitato d'Intesa e Csv di Belluno Giorgio Zampieri - chiedendo ai senatori di approvare gli emendamenti che propongono di reintegrare a effettivi 400 milioni il 5 per mille del 2011. Insieme a questo, chiediamo anche che vengano aumentate le risorse per le agevolazioni postali per il settore non profit”. Il Comitato auspica inoltre che il 5 per mille sia tramutato definitivamente in legge e venga erogato con celerità, non con una media di 2 anni di ritardo come accade ora.
“Il volontariato sta collaborando, in questo momento di crisi, per rispondere ai bisogni delle persone, pur in un quadro di diminuzione delle risorse – sottolinea Giorgio Zampieri – attendiamo quindi con fiducia il concorso dei Senatori bellunesi alla nostra causa, in modo che il 2011, Anno Europeo del volontariato, non sia solo una celebrazione formale”.

LEGGI LA LETTERA AI SENATORI



CsvInforma

Sfoglia, stampa e condividi il CsvInforma: lo puoi fare comodamente dal tuo pc o dal tuo smartphone!

SFOGLIA >

Volontario anche tu!

Il programma "Csv... volontario anche tu!" vuole diffondere tra i giovani dai 16 ai 20 anni la cultura del volontariato.

SCOPRI >

Laboratorio Inquadrati

Scopri come organizzare laboratori di ripresa e montaggio video, di grafica e animazione. Puoi avere un incontro, proporre un progetto e chiedere un preventivo.

CONTINUA >

Amministrazione di Sostegno

Lo sportello Amministrazione di Sostegno è un servizio fondamentale per proteggere gli interessi (economici, sanitari, giuridici) delle persone fragili.

LEGGI >