In evidenza

Box In evidenza - Homepage

Il 5 per mille al Comitato d'Intesa

È tempo di dichiarazione dei redditi, dove poter indicare l'ente a cui devolvere il proprio 5 per mille. Il Comitato d'Intesa è tra i beneficiari: per contribuire all'erogazione di importanti servizi quali lo STACCO, gli scambi europei, il Servizio civile e l'Amministrazione di sostegno, il codice fiscale da indicare è 93001500250.

 

Anche l’Assemblea del Comitato d’Intesa di Belluno, riunitasi ieri sera al Centro Giovanni XXIII, si unisce alla protesta del volontariato contro il provvedimento del governo (G.U. n. 31) che ha praticamente annullato, con effetto immediato dallo scorso primo aprile, ogni agevolazione tariffaria per le spedizioni postali delle associazioni e degli Enti non-profit. Questo decreto penalizza le organizzazioni di volontariato, con l’effetto di un aumento delle spese che può raggiungere in alcuni casi il 500% rispetto alle tariffe precedenti. Spese che molte realtà associative della provincia di Belluno non riescono a sostenere. “Un vero salasso – commenta il presidente del Comitato d’Intesa di Belluno, Giorgio Zampieri – che influirà non poco sulla comunicazione e trasparenza delle nostre associazioni. Sono infatti molteplici le pubblicazioni inviate tramite i servizi postali a soci, simpatizzanti, Enti pubblici, proprio per dar conto delle proprie attività. Con un aumento così significativo dei costi di spedizione, non è escluso che molte associazioni rinuncino a stampare i loro organi informativi”. La questione è stata affrontata ieri sera dal presidente Giorgio Zampieri e dal direttore del Centro di servizio per il volontariato Nevio Meneguz nell’assemblea del Comitato d’Intesa al Centro diocesano di Belluno. “Per fare un esempio concreto, il costo di spedizione per il nostro giornale Csv Informa, che passa dai sei centesimi ai 28 centesimi a numero. Un maggior costo del 300%”. Il Comitato d’Intesa unisce quindi la propria protesta a quella delle altre organizzazioni di volontariato bellunesi, venete e italiane che già hanno manifestato il proprio disappunto per la decisione. “Ci associamo – afferma Zampieri – anche alla protesta di Csv Net, la rete dei centri di servizio italiani e all’Avis regionale, che a loro volta hanno aderito all’appello del periodico Vita contro il provvedimento e i conseguenti rincari. Contiamo comunque sul confronto già avviato da più parti con il Governo e Poste Italiane – conclude Giorgio Zampieri – perché si arrivi ad un risultato che tenga conto delle esigenze delle associazioni di volontariato. E, in ultima analisi, a tariffe più ragionevoli per le nostre realtà.

Leggi anche la Mozione Avis Veneto



CsvInforma

Sfoglia, stampa e condividi il CsvInforma: lo puoi fare comodamente dal tuo pc o dal tuo smartphone!

SFOGLIA >

Volontario anche tu!

Il programma "Csv... volontario anche tu!" vuole diffondere tra i giovani dai 16 ai 20 anni la cultura del volontariato.

SCOPRI >

Laboratorio Inquadrati

Scopri come organizzare laboratori di ripresa e montaggio video, di grafica e animazione. Puoi avere un incontro, proporre un progetto e chiedere un preventivo.

CONTINUA >

Amministrazione di Sostegno

Lo sportello Amministrazione di Sostegno è un servizio fondamentale per proteggere gli interessi (economici, sanitari, giuridici) delle persone fragili.

LEGGI >